28 dicembre 2015

Assicurazioni Auto e Dematerializzazione Tagliando Assicurazione: Quali Documenti Tenere a Bordo

Dal 18 ottobre 2015 il tagliando dell'assicurazione Rc auto non deve più essere esposto sul parabrezza ma come al solito la burocrazia sta rallentando il processo di dematerializzazione del contrassegno e limita la piena efficienza della nuova normativa, al punto che il Ministero dell'Interno ha dovuto pubblicare una circolare per far fronte a spiacevoli situazioni che si potrebbero verificare durante i controlli effettuati dalle Forze dell'Ordine in merito alla regolarità della polizza auto. Ecco quali documenti devono essere tenuti sul veicolo.

In seguito alla dematerializzazione del tagliando dell'assicurazione auto, la copertura assicurativa del proprio veicolo è dimostrata dal certificato della polizza Rca, il quale deve sempre essere tenuto a bordo per essere esibito in caso di controllo. La copertura può essere verificata ricorrendo alla banca dati dei veicoli assicurati creata dalla Motorizzazione Civile: le Forze dell'Ordine possono verificare se il conducente è assicurato ricercando nella banca dati la targa del veicolo. Tuttavia dal Ministero dell'Interno arriva una circolare con la quale si consiglia di tenere sull'auto anche l'attestazione di avvenuto pagamento del premio di polizza e la copia del contratto al fine di non trovarsi ad affrontare situazioni spiacevoli.

Il Ministero dell'Interno ha appurato che la banca dati della Motorizzazione non è ancora del tutto aggiornata, per di più ci sono compagnie assicurative che prorogano la copertura assicurativa oltre la data di scadenza delle assicurazioni auto, aumentando in tal modo i disguidi.

Assicurazione auto e dematerializzazione Tagliando Polizza Rc: quali documenti tenere a bordoEsistono infatti alcune compagnie che consentono di estendere la copertura della polizza Rc auto oltre il termine previsto per legge di 15 giorni (a volte anche fino a 90 giorni), una scelta che può creare discrepanze tra la data indicata nel certificato dell'assicurazione e quella segnata nella banca dati, portando le Forze dell'Ordine a sanzionare anche gli automobilisti assolutamente in regola.
Proprio al fine di evitare queste sanzioni si consiglia di tenere a bordo, congiuntamente al certificato dell'assicurazione auto (obbligatorio per legge), altra documentazione che dimostri l'avvenuto pagamento del premio di polizza.

Si ricorda che i documenti rilasciati dalle compagnie assicurative risultano sempre prevalenti rispetto alle informazioni presenti nella banca dati della Motorizzazione Civile. In caso di controllo delle Forze dell'Ordine la normativa prevede che se il certificato risulta scaduto mentre dalla banca dati la copertura assicurativa risulta attiva, bisogna esibire quanto prima il documento aggiornato. Viceversa ovvero se dalla banca dati la copertura risulta scaduta mentre la documentazione della compagnia assicurativa dimostra che è tutto a posto, fa sempre fede il documento esibito, quindi l'automobilista non verrà sanzionato né dovrà esibire ulteriore documentazione.

Nessun commento: