2 marzo 2017

Assicurazione Moto: il Rimborso del Danno se Superiore al Valore del Veicolo

Incidente stradale e risarcimento polizza Rc moto: cosa accade se il danno supera il valore del veicolo? - Tra gli imprevisti più temuti da chi è alla guida di un veicolo a quattro o due ruote, rientra sicuramente il verificarsi di un incidente stradale: in particolare i possessori di una moto si ritrovano a dover fronteggiare i costi relativi a sinistri stradali causati da veicoli quali auto o Suv o mezzi più pesanti. In questi casi l'indennizzo erogato dall'assicurazione moto può non essere sufficiente per coprire i danni, in particolar modo quando la riparazione del danno supera il valore economico del mezzo a due ruote.

Incidente e assicurazione moto, cosa succede quando il danno è superiore al valore della due ruote: nel momento in cui la riparazione dei danni subiti dalla moto supera il valore commerciale del veicolo, il motociclista rischia di vedersi rimborsare un importo inferiore rispetto a quanto dovrà sborsare per riparare il proprio veicolo. Le compagnie assicurative riconoscono al danneggiato dall'incidente stradale un importo basato sul valore della moto antecedente all'incidente.

Assicurazione moto e incidente stradale: come tutelarsi in caso di rimborso non equivalente al dannoIn questo caso l'assicurato può non accettare l'importo erogato dalla compagnia assicurativa e risolvere la questione per vie legali: la causa giudiziale potrebbe avere un esito positivo per il motociclista in quanto il giudice può seguire quanto disciplinato in alcuni casi dalla giurisprudenza.
Leggi anche - Disdetta Assicurazione Auto o Moto: Come e Quando si può Disdire la Polizza
Rimborso assicurazione moto in seguito ad incidente: nel 2001 il Tribunale di Cremona ha decretato che l'assicurato ricevesse un risarcimento equivalente al danno subito, a prescindere dal valore commerciale della moto; inoltre nel 2003 anche il Giudice di Pace di Bari ha stabilito che il motociclista coinvolto nell'incidente stradale non deve subire alcun pregiudizio a causa della condotta dei guidatori disattenti.

L'assicurato può quindi intentare una causa nei confronti della compagnia assicurativa se questa non intende risarcire interamente il danno subito in un sinistro stradale la cui colpa deve essere attribuita alla disattenzione di altri conducenti.

Nessun commento: