13 marzo 2019

Detrazioni Polizze Vita e Infortuni in Dichiarazione dei Redditi: Importi e Aliquote

Detrazione assicurazione vita in dichiarazione dei redditi: istruzioni per calcolo e inserimento in Modello 730 e Modello Redditi PF - guida aggiornata 2019
Le detrazioni per polizze vita sono del 19% del premio pagato per la polizza rischio morte e invalidità e il massimo di spesa su cui calcolarla è più elevato se il beneficiario è una persona con disabilità grave e per le polizze rischio non autosufficienza atti vita quotidiana. La detrazione assicurazione vita e infortuni da inserire nella dichiarazione dei redditi col Modello 730 e col modello Redditi (ex Unico) spettano anche se beneficiario o contraente è un parente a carico. Vediamo dunque tutti i dettagli e le istruzioni per inserire nella dichiarazione dei redditi le detrazioni polizze vita e infortuni, i calcoli da fare ed i codici tributo.

Detrazioni polizze vita e infortuni - Per quanto versato per il premio versato, la detrazione polizze vita sono del 19% e si calcolano su un massimo di spesa pari a 530 euor. Bisogna però distinguere in base alla data di sottoscrizione o rinnovo del contratto:
  • per polizze vita o infortuni sottoscritte o rinnovate entro il 31 dicembre 2000 occorre che il contratto sia almeno quinquennale e che per questo periodo non sia consentita la concessione di prestiti
  • per polizze vita o infortuni sottoscritte o rinnovate dal 1 gennaio 2001 occorre che l'oggetto del contratto sia il rischio morte o invalidità permanente almeno al 5%
La detrazione assiciurazione vita è anche per le polizze con compagnie estere; c'è anche quella che potrebbe essere considerata come una detrazione assicurazione auto ma che è solo per l'eventuale polizza infortuni conducente auto, aggiunta all'obbligatoria polizza rc auto (come precisato dalle circolari 137/1997 e 95/2000 del Ministero delle Finanze).
La guida sulle polizze vita e infortuni continua con le altre tre parti:
  1. Assicurazioni Vita: Come Funzionano e Quali Sono
  2. Assicurazioni vita: impignorabilità e vantaggi fiscali
  3. Polizze miste: assicurazione vita e pensione integrativa nello stesso prodotto
Detrazioni polizze vita per rischio morte con beneficiari persone con disabilità grave - Recente novità in quanto introdotta dal 2016, l'agevolazione fiscale spetta nella misura del 19% calcolata su una spesa massima per il premio di polizza pari a 750 euro. Il beneficiario dell'assicurazione deve essere "persona con disabilità grave" ai sensi della legge 104 art. 3 comma 3. Se nella polizza rischio morte sono indicati più beneficiari di cui solo uno disabile grave, la detrazione per il premio spetta nella misura di 750 euro e non di solo 530 euro come indicato nel punto precedente.

Detrazione assicurazione vita per rischio non autosufficienza atti vita quotidiana - Anche in questo caso spetta un'agevolazione pari al 19% di quanto pagato come premio di polizza, ma la spesa massima su cui calcolarla è pari a 1291,14 euro. Occorre però che sia previsto nel contratto assicurativo che la compagnia non abbia la facoltà di recedere.

Come inserire nella dichiarazione dei redditi le detrazione assicurazione vita, rischio morte, infortuni, invalidità - Nel Modello 730 vanno indicate nel Quadro E nei righi da E8 a E10, nel Modello Redditi Persone Fisiche (sostituisce l'Unico) nel Quadro RP nei righi da RP8 a RP13. I codici sono rispettivamente 36, 38, 39 per le tre tipologie di polizze su indicate. Sono comprese anche le spese indicate nella Certificazione Unica nei punti da 341 a 352.
detrazione assicurazione vita 730 e redditi

Per tutte e tre le tipologie di assicurazioni le spese massime su indicate restano tali anche in presenza di più polizze e anche se sono spese sostenute per familiari fiscalmente a carico del dichiarante. Per la precisione, si ha diritto alla detrazione sia se il dichiarante è sia il contraente che l'assicurato, è il contraente ma l'assicurato è un familiare a carico, il familiare a carico del contraente è sia il contraente che l'assicurato.

Nessun commento: